NARRATTIVA: Giochi per creare e vivere la TUA storia!

Lovecraftesque

Ott 17, 2018

La parola a Michele…

News_01_Lovecraftesque_polemiche

 

Ok. Lovecraftesque ha vinto il Gioco dell’Anno 2018.

Ho letto tanti commenti scomposti alla sconfitta di D&D. E parecchi li ho trovati davvero imbarazzanti. Talmente imbarazzanti da non meritare commenti. La mia opinione la lascio alle parole di Anton Ego:

<< Per molti versi la professione del critico è facile: rischiamo molto poco pur approfittando del grande potere che abbiamo su coloro che sottopongono il proprio lavoro al nostro giudizio. Prosperiamo grazie alle recensioni negative che sono uno spasso da scrivere e da leggere. Ma la triste realtà a cui ci dobbiamo rassegnare è che nel grande disegno delle cose, anche l’opera più mediocre ha molta più anima del nostro giudizio che la definisce tale. Ma ci sono occasioni in cui un critico qualcosa rischia davvero. Ad esempio, nello scoprire e difendere il nuovo. Il mondo è spesso avverso ai nuovi talenti e alle nuove creazioni: al nuovo servono sostenitori! >>

La Pixar ha detto quello che penso meglio di come potrei dirlo io. Onore alla giuria che – indipendentemente dalla vostra opinione sulla decisione presa – ha sicuramente saputo fare una cosa molto coraggiosa.

-Michele Gelli

sign

 

(con le mie scuse alla Pixar)

 

 

 

Sticky
1
Share
Ott 10, 2018

Lovecraftesque vincitore del premio Gioco di Ruolo dell’Anno 2018!

News_02_LUCCA_2018_Lovecraftesque_Gioco_dell'Anno

Andato a letto alle 4. Sveglio alle 6. Dopopranzo, mi godo un meritat(issim)o pisolino. Appena riesco ad addormentarmi (non che ci sia voluto poi tanto, eh…)

<<drinnn drinnn drinnn…..>>

Un occhio si apre a fatica. Partono 12 maledizioni che scomodano un discreto numero di Pantheon e divinità. Da Odino A Cthulhu, nessuno escluso. Il primo istinto è non rispondere, ma guardo comunque il cellulare.

Morgengabe. Questa sera sono da loro. Magari è importante.

<<Pronto?>>

Cerco di fare la mia migliore voce entusiasta. Parte il lancio di 2D6. 6-. Fallimento clamoroso, aggiungerei: la voce sembra quella di un 90enne sotto LSD.

<< Michele, ma hai visto cosa è successo?>>

Ingranaggi nel cervello tentano faticosamente di rimettersi in moto a tempo di record. Mi sembra di vedere quelle scene dove sull’Apollo 14 hanno “un problemino” e i vari tecnici a Huston consultano furiosamente i manuali per abbreviare le procedure mentre qualcuno sullo sfondo strilla “salta anche questo, non c’è tempo, non c’è tempo!”

Evidentemente la cosa viene notata perché ancora prima che possa profferire parola mi si dice:

<<Hai vinto il Gioco di Ruolo dell’anno >>

Seguono due secondi dove i tecnici di cui sopra, anziché terminale le procedure, si prendono qualche istante per stappare una o due bottiglie di spumante (o meglio di Sangiovese), incuranti del fatto che mi facciano fare la figura del fesso. La conversazione poi riprende.

Che dire?

Sono contento. Anche se la competizione era davvero serrata, un minimo ci spera sempre. È comunque un riconoscimento al lavoro e alla bravura degli autori.

Sono contento anche per tutti quelli che hanno collaborato al progetto ed hanno fatto in modo che tutto filasse liscio. Che ci fossero demo. Che venissero eliminati i refusi. Che hanno fatto i disegni e le foto. Questo è un riconoscimento anche (e soprattutto) al loro lavoro. Senza Matteo, Simone, Giulia, Alex, Francesca M., Francesca T., Federico, Giuseppe, Marga, Alice, Samuele, Andrea, e tanti altri ancora che in questo momento sono troppo emozionato per ricordare. Un grazie anche a Becky Annison e Josh Fox, ideatori del gioco. Senza tutti voi non avremmo questo magnifico lavoro che ci ha portato così lontano.

Sono triplamente contento per l’ambiente nel suo complesso. Di tanto in tanto, dare un occhio di riguardo ai matti che portano le ultime novità di moderna tecnologia, male non può fare.

Un sentito ringraziamento non può mancare verso la giuria del Gioco di Ruolo dell’Anno 2018 per aver scelto Lovecraftesque tra tutti i giochi finalisti, ognuno dei quali altrettanto meritevole. E un profondo ringraziamento va a tutti voi, che ci seguite e supportate, creando un ambiente di cui posso essere più che contento.

Ci vediamo a Lucca (a questo punto spero proprio che potranno essere disponibili ANCHE le carte per Lovecraftesque , che fino ad ora dovevano essere scaricate e ritagliate).

Restate sintonizzati per le prossime news, ne vedrete delle belle!

Stay tuned!

sign

Sticky
1
Share
Ott 31, 2017

In uscita a @Lucca Comics & Games 2017: Lovecraftesque

 NewsLovecraftesque_Lucca2017

Lovecraft, devo dire altro?

Credo che già il suono della parola “Lovecraft” abbia fatto capire parecchio del gioco.
Si tratta di del gioco che in assoluto è più vicino – per spirito e progettazione – al materiale letterario primigenio di Lovecraft. Dalle partite emergono storie che sembrano uscite per direttissima dalla penna dell’autore statunitense. Il gioco è per 2 (sì, si può giocare anche in coppia) ~ 5 giocatori. Senza master: i ruoli al tavolo ruotano fra i giocatori con il procedere dei turni. “No prep”: nessuna preparazione richiesta, ambientazione e personaggi vengono creati direttamente al tavolo. Senza dadi. Un impianto di regole semplice ma estremamente efficace.

A completare il volume una nutrita serie di “playset”già pronti, opera di molti autori già amati e conosciuti anche in Italia, come ad esempio Graham Walmsley (Il Gusto del Delitto), Julia Ellingboe e Jason Morningstar (Fiasco, Grey Ranks, Night Witces).

Ghostlight: una edizione specialissima

Nel video potete vedere le prove di stampa. La torcia VOOD è quella che verrà venduta col libro.

L’edizione è illustrata da con foto scattate in numerose location (manicomi in rovina, parchi di divertimento abbandonati, etc.) a cui gli artisti hanno aggiunto i fantasmi, gli echi degli orribili eventi che vi hanno avuto luogo nel passato1. Fantasmi invisibili, che solo una speciale VOOD può svelare. Questo effetto sarà utilizzato solo nella prima tiratura che non verrà più ristampata. Abbinata al libro la torcia VOOD necessaria a per visionare le immagini (completa di batterie). Tentacoli non inclusi.

Nota 1 = inutile dire che si tratta di eventi fittizi, ma – come soleva ripetere la mia ex insegnante di latino – melius abundare quan deficere

Sticky
0
Share
Ott 06, 2017

Narrattiva @San Donà Fumetto

News_02Fiere_autunno_2017

Questo week end saremo a San Donà fumetto, ospiti dell’edizione 2017.

Come da tradizione, sarà possibile acquistare materiale al nostro banco e ci sarà la possibilità, purtroppo un poco ostacolata da influenze last minute, di provare alcuni dei nostri giochi. Magari proprio grandi classici coma Avventure in Prima serata o Cani nella Vigna

Inoltre, avremo anche uno specialissimo sneak peak sulle prossime uscite di Lucca Comics & Games. Potrete venire al nostro stand a toccare con mano, sulle prove di stampa, lo specialissimo effetto che abbiamo in serbo per Lovecraftesque. E potrete anche vedere in esposizione “Il Gioco di Ruolo più grande del mondo” (ora anche autografato dall’autore).

Non mi resta che darvi appuntamento a domani.

Michele

sign

Sticky
0
Share